Home Rimedi Naturali Mal di testa: cause, sintomi, cosa fare e rimedi naturali

Mal di testa: cause, sintomi, cosa fare e rimedi naturali

79
0
CONDIVIDI
Mal di testa - rimedi naturali contro emicrania e cefalea
Mal di testa: cause e rimedi naturali contro emicrania e cefalea. Scopri quali sono le cause del mal di testa, cosa fare, cosa mangiare e i migliori rimedi naturali veloci per far passare il mal di testa in fretta.

Il mal di testa, anche chiamato cefalea, è un dolore che si presenta alla parte interna del capo o a quella superiore del collo, ed è causato dall’alterazione di meccanismi e processi biologici che vanno ad attivare o a stimolare alcune parti sensibili allo stimolo del dolore, che si trovano nelle zone che riguardano testa e collo.

Gli studi non hanno ancora trovato risposta al perché dell’attivazione dei segnali dolorosi, ma si è capito che le cefalee primarie non compaiono mai per una sola causa, bensì per una interazione tra cause interne all’organismo, predisposizione genetica e fattori che possono scatenare le alterazioni.

Ci sono anche i casi in cui il mal di testa è provocato da traumi, oppure, può essere sintomo di un qualcosa di più grave, condizione comunque più rara.

Le cefalee secondarie, invece, possono associarsi a diverse condizioni, provocate da diverse cause non specificate.

Mal di testa: cause e fattori scatenanti

Riuscire a individuare una sola causa scatenante del mal di testa è quasi impossibile, perché questo disturbo può dipendere da vari fattori, a volte anche combinati tra loro.

Tra le cause ci possono essere motivi infiammatori, contrazioni dei muscoli e cronici, anche se quest’ultima condizione è rara, si presenta per fattori genetici, abuso di alcol e fumo, anche passivo, stress, stanchezza, insonnia e anche a causa di alcuni medicinali.

Nello specifico:

  • Fattori psicologici: emozioni, stress, rilassamento dopo lo stress;
  • Fattori endogeni: modificazioni ormonali, eccesso o mancanza di sonno, digiuno prolungato;
  • Fattori ambientali: variazioni metereologiche o climatiche, altitudine, luci e rumori intensi, fumo, viaggi lunghi;
  • Fattori alimentari: formaggi stagionati, cioccolato, alcool, insaccati.

Mal di testa: sintomi

Il mal di testa ha dei sottotipi, quelli di maggiore rilievo sono l’emicrania, la cefalea di tipo intensivo e la cefalea a grappolo.

  • La cefalea di tipo intensivo è quella più frequente e può presentarsi con episodi sporadici oppure essere cronica; la cefalea a grappolo, invece, è più rara ed è riconoscibile per i dolori violenti che solitamente colpiscono la zona orbitaria e frontale in modo fisso, che può durare ore.
  • L’emicrania, invece, si identifica quando ci sono almeno 5 episodi che soddisfano alcuni criteri durante l’attacco, che dura dalle 4 alle 72 ore, come: dolore forte e pulsante, affaticamento durante le azioni che si compiono ogni giorno, come salire le scale e localizzazione unilaterale.

Alcuni dei sintomi che vengono associati al mal di testa sono la nausea, la troppa sensibilità alla luce, oppure, al contrario, al buio, inoltre, si può presentare sinusite e infiammazione cronica o acuta dei seni paranasali.

Come prevenire il mal di testa

Ci sono alcune cose che si possono fare e non fare per prevenire il mal di testa e i suoi sottotipi, andiamo a scoprirli.

L’attività fisica può prevenire l’emicrania, infatti, aumenta la qualità della circolazione del flusso del sangue, di conseguenza, più sangue e più ossigeno arriva al cervello. Attenzione però a non esagerare, altrimenti potrebbe presentarsi un mal di testa dovuto al troppo sforzo fisico.

Dormire almeno otto ore a notte, dando risposo al proprio corpo, evita di stressarsi e stancarlo, per questo motivo sarebbe bene andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora.

Forse non è una cosa nota, ma una delle cause più comuni del mal di testa è la disidratazione, secondo uno studio è un motivo su tre della causa dell’emicrania. Bere almeno 2 litri di acqua al giorno aiuta.

Un occhio di riguardo anche all’alimentazione, la cattiva digestione aggrava le emicranie, bisogna scegliere i cibi adatti che riducono gli episodi di mal di testa, ricchi di selenio, zinco e magnesio, in caso aiutarsi con degli integratori.

Il fumo introduce nel corpo monossido di carbonio, sostanza che toglie ossigeno ai globuli rossi, mentre l’alcol stimola la produzione d’istamina, sostanza che fa aumentare i mal di testa.

Mal di testa: rimedi naturali veloci

Esistono dei farmaci appositi per curare il mal di testa e i suoi sottotipi, la valutazione resta sempre compito del medico di famiglia, ma ci sono dei rimedi naturali che possono alleviare il dolore o farlo sparire del tutto.

  • La menta è ricca di proprietà benefiche, un rimedio naturale efficace contro l’emicrania e la cefalea, nello specifico, l’olio essenziale di menta piperita riduce il dolore, dopo aver applicato qualche goccia sulla fronte e sulle tempie.
  • La patata può essere un ottimo rimedio naturale, bisogna tagliarla in varie fettine e applicarle sulle tempie, sulla fronte e sugli occhi, dopo mezz’ora il dolore sarà sparito.
  • Una tisana alla camomilla o alla valeriana può aiutare a rilassarsi ed ha effetti benefici sul dolore. Molto efficaci anche le tisane a base di maggiorana, di menta, di passiflora e di rosmarino.
  • Caffè con limone: questo mix amaro è molto efficace e fa passare il mal di testa velocemente;
  • Aceto e sale: basta una manciata di sale in un bicchiere, poi riempirlo con dell’aceto e inalate l’aroma che si sprigionerà.
  • Anche gli impacchi di cavolo, cipolla o rafano applicati sulla nuca per mezz’ora riescono ad alleviare il fastidio.

Consigli utili contro emicranie e cefalee

Il mal di testa e il suo fastidio, a volte, possono essere controllati facendo alcune semplici azioni: per rendere il dolore meno forte bisogna rilassarsi e fare respiri profondi, ma se il dolore è talmente forte da non riuscire nemmeno a ragionare, si consiglia di chiudersi in una stanza buia e sdraiarsi facendo impacchi con acqua fresca o calda sulla zona dolorante.

Il mal di testa può essere causato anche da una cattiva postura o da scarpe non adatte, per questo motivo si consiglia di stare seduti correttamente e scegliere sedie ergonomiche.

Mal di testa: cosa mangiare e gli alimenti da evitare

Ci sono degli alimenti che, secondo alcuni studi, possono potenzialmente accentuare o contribuire al mal di testa e vengono suddivisi in tre gruppi specifici.

Nel primo gruppo rientrano gli alimenti ricchi di istamina, sostanza che provoca diverse reazioni cellulari con azione pro-infiammatoria, come salumi stagionati, formaggi fermentati, cibi in scatola, spinaci, carne di maiale, pomodori e alcuni tipi di pesce fresco come il salmone, il tonno e le sardine.

Il secondo gruppo è formato da alimenti ricchi di tiramina, come alcuni tipi di formaggi, per esempio il parmigiano e la mozzarella, il pesce, i salumi, pomodori, fave, uva, fichi, patate, spinaci e cavolfiori.

Nel terzo gruppo rientrano alimenti che si usano tutti i giorni e che contengono bisolfiti, come birra, vino, aceto, analcolici e alimenti in scatola.

Gli alimenti che aiutano in caso di mal di testa sono:

  • Pane, pasta e riso (soprattutto integrali);
  • Frutta e verdura fresche;
  • Legumi freschi o secchi che si digeriscano senza problemi;
  • Pesce fresco non affumicato e non salato;
  • Carne fresca, preferibilmente bianca;
  • Succhi, spremute, centrifugati freschi;
  • Caffè (senza esagerare);
  • Tè.

Da non trascurare anche la sensibilità soggettiva agli alimenti sopra elencati, per questo motivo si consiglia di notare possibili correlazioni tra i sintomi del mal di testa e i pasti consumati, cercando di capire se il cibo ingerito possa aver contribuito all’insorgere del disturbo o a un eventuale aggravamento della patologia.

Importantissima è la digestione e l’assimilazione di ciò che si mangia, infatti, spesso proprio le difficoltà digestive possono scatenare o influire negativamente sul mal di testa.

Bisogna tenere anche in considerazione possibile anemie o carenze alimentari che possono provocare anche forti mal di testa, per questo motivo è meglio mantenere sempre un’alimentazione naturale e varia, mangiando alimenti freschi e di stagione, possibilmente di origine biologica.

In qualunque caso, ricordiamo, che se il mal di testa è forte e continuo e non sparisce entro un paio di giorni, bisogna recarsi immediatamente dal medico che studierà i sintomi e darà la giusta terapia.

CONDIVIDI

Lascia un commento. La tua opinione per noi è importante!