Home Rimedi Naturali Candida: cause, sintomi, rimedi naturali, alimentazione e consigli

Candida: cause, sintomi, rimedi naturali, alimentazione e consigli

36
0
CONDIVIDI
Candida - cause, sintomi, rimedi naturali, alimentazione e consigli
Candida - cause, sintomi e rimedi naturali. Scopri come si prende la candida, i rimedi naturali contro la candidosi, cosa mangiare, i cibi da evitare ed alcuni consigli utili per prevenire e curare la candida velocemente in modo naturale.

La candida (Candida albicans) è un’infezione fungina molto comune che appartiene alla famiglia dei saccaromiceti. La sua presenza nell’organismo viene rilevata in particolare nel tratto gastro-intestinale e nel cavo orale.

La patologia colpisce l’apparato genitale femminile e si presenta maggiormente tra le donne in età fertile e talvolta è anche recidiva. Si tratta comunque di una patologia non rischiosa, ma particolarmente fastidiosa che ha come principale caratteristica il prurito, spesso associato a bruciore e perdite.

Candida: le cause

Le cause che possono portare alla formazione della candida sono molteplici e possono essere legate a particolari stati della vita, come ad esempio la gravidanza. Tra le cause principali della candida troviamo una alimentazione scorretta, composta per la maggior parte di zuccheri, e anche alcuni medicinali che possono mettere a repentaglio l’equilibrio intestinale e favorire la comparsa della candidosi, come gli antibiotici, gli anticoncezionali orali e gli antiacidi. Tra i medicinali che favorire l’insorgere della candida vi è anche la nistatina, un farmaco antifungino che, se assunto per periodi troppo lunghi, può rendere i funghi più resistenti facilitando l’abbassamento delle difese immunitarie.

Altri fattori che possono favorire la candida sono il diabete, il fumo e determinate allergie o intolleranze alimentari. Inoltre, un’altra causa della candidosi vaginale può essere un’alterazione del pH, solitamente acido, che a causa di squilibri fisiologici potrebbe favorire l’infezione.

Candida: i sintomi

Il sintomo principale della candida è un fastidioso prurito spesso accompagnato da una perdita di colore bianco e dal cattivo odore nell’area vaginale. Se si tratta di una forma più acuta, si possono manifestare delle chiazze rosse all’esterno della zona interessata, che talvolta si estendono alla radice delle cosce, alle natiche e anche alla base della schiena.

Tra i sintomi della candida si può presentare anche un senso di affaticamento, gonfiore allo stomaco, irritazione intestinale, diffusi dolori muscolari e perdita d’interesse sessuale. Oltre a tutti questi segnali, da valutare e da tenere sotto controllo, spesso vi è anche una voglia di zuccheri incontrollabile alla fine di un pasto. Questo desiderio anomalo di dolci spesso infatti manifesta la presenza della candida: infatti, la candida si nutre di carboidrati semplici e quando vengono a mancare queste sostanze la candida albicans inizia a morire e produce delle tossine che agiscono sul sistema nervoso inducendo il soggetto a mangiare dolci.

Inoltre, a questi sintomi può aggiungersi difficoltà di concentrazione e di memoria, e persistenti sbalzi di umore.

Candida: rimedi naturali

I rimedi per combattere la candida, oltre che un’alimentazione adeguata e l’assunzione di abbondanti liquidi, riguardano anche l’utilizzo di prodotti naturali che favoriscono l’eliminazione delle tossine da parte dell’organismo, ripristinando la flora batterica intestinale che potrà così agire tenendo sotto controllo i livelli della presenza della candida.

Tra i rimedi naturali molto efficace è l’olio essenziale di tea tree, utilizzato per la sua potente proprietà antibiotica ad ampio raggio su batteri, virus, microbi e infezioni fungine. In caso di infezione da candida può essere utilizzato anche per uso interno, magari mescolando alcune gocce con una piccola quantità di gel di aloe e massaggiato direttamente sulle mucose. La composizione ottenuta lenisce l’infiammazione dei tessuti colpiti da candidosi.

Efficace anche l’acido caprilico: si tratta di un acido grasso saturo, non essenziale, che si estrae dalle noci di cocco e dall’olio di semi di palma. In presenza di candidosi, l’acido caprilico dissolve la membrana cellulare della Candida albicans e di altri funghi e risulta molto utile per favorirne la guarigione.

Tra i rimedi erboristici troviamo anche l’olio essenziale di chiodi di garofano, l’echinacea e le pomate a base di camomilla, di salvia o di calendula.

Anche l’aglio è un vero e proprio toccasana per la candidosi, soprattutto quella del cavo orale, grazie al suo elevato potere antifungino e antibatterico; molto efficace anche il pompelmo, dai cui semi si ricava un potente antibiotico naturale che può essere assunto per via topica oppure sotto forma di crema da spalmare per ridurre l’infezione fungina. I semi di pompelmo sono molto efficaci contro le infezioni interne, cutanee, auricolari e orali, sono ritenuti il più potente antibiotico naturale assolutamente completamente privo di tossicità e attivo contro batteri, virus influenzali ed herpes.

Molto utile anche la malva, particolarmente indicata per la candidosi orale e dal potere disinfiammante. Ottima anche l’azione dell’aloe vera, rinfrescante e antistaminica, perfetta per tenere sotto controllo le manifestazioni esterne della candida genitale. Infatti, oltre a diminuire notevolmente il prurito, l’aloe vera ha un effetto immediato di freschezza e calma l’infiammazione.

Anche la calendula è un ottimo rimedio naturale per la candida: ricca di quercetina, la calendula è un flavonoide molto efficace contro prurito e dolore della pelle, e anche sotto forma di crema è adatta per rossori e papule esterne causate dalla candidosi.

Candida: l’alimentazione consigliata (cibi consigliati e cibi da evitare)

Una regola fondamentale da rispettare durante gli attacchi di candida è curare l’alimentazione. In particolare vi sono dei cibi consigliati da assumere durante l’infezione e dei cibi da tenere lontani per non aumentare il proliferarsi dei batteri. Vediamo quali sono.

Cosa mangiare con la candida

Tra gli alimenti consigliati, che non arrecano problemi all’infezione e migliorano la situazione vi sono tutti gli alimenti a basso contenuto di carboidrati, come carne e pesce. Indicate sono anche le insalate e le verdure fresche, e largo anche a fagioli, lenticchie e piselli.

Durante l’infezione da candida consigliatissimo è lo yogurt, rigorosamente nella sua versione magra senza l’aggiunta di zuccheri di alcun genere. Ottima da consumare anche la curcuma, l’aglio, l’olio d’oliva extravergine e i carciofi.

La durata e la rigorosità della dieta variano naturalmente da persona a persona e sono da considerare anche in base alla gravità dell’infezione.

Cibi da evitare se hai la candida

I primi cibi da allontanare sono quelli contenenti carboidrati sotto forma di zuccheri, che stimolano la produzione di lieviti che favoriscono l’aggravarsi del disturbo. Quindi, bando al pane, alla pizza, ai formaggi, ai funghi e alle bevande alcoliche come la birra. Tenere lontano anche i dolci ed evitare infine gli alcolici in generale, causa di un abbassamento delle difese immunitarie.

Da evitare anche, se possibile, il consumo di tè e caffè, o altrimenti ridurne al minimo l’assunzione. Sono sconsigliate anche le arachidi, la carne affumicata, e va anche limitato di latticini, soprattutto nelle prime settimane dalla comparsa della candida.

Candida: consigli utili per prevenirla e combatterla

Prevenire la candida è possibile, basta seguire alcuni accorgimenti, in particolar modo l’igiene. Per cominciare, occorre lavare con molta cura le parti interessate con un sapone acido, in particolar modo in occasione di rapporti sessuali.

Nella maggioranza dei casi, è possibile prevenire le infezioni da candidosi vaginale utilizzando prodotti per l’igiene intima non profumati e con ingredienti naturali: da evitare assolutamente gli spray o le lavande vaginali. Queste ultime, infatti, specie se effettuate troppo spesso, eliminano o riducono le secrezioni vaginali, alterando l’ambiente e facilitando la strada alle infezioni.

Anche l’abbigliamento è importante per evitare l’insorgere di infezioni come la candida. Infatti, indossare tessuti sbagliati può costituire un fattore determinante per agevolare il formarsi dell’infezione: per questo è consigliabile indossare biancheria intima di cotone, naturale e traspirante, che non impedisce la circolazione dell’aria. Evitare di indossare intimo sintetico, come il nylon e la microfibra, e anche abiti troppo stretti e attillati.

Per chi svolge attività fisica o nuoto, è essenziale cambiarsi subito e indossare abiti asciutti per non racchiudere l’umido nel corpo e nelle parti intime. Si tratta di piccoli accorgimenti che sarebbe che risultano efficaci nell’allontanamento dell’infezione.

CONDIVIDI

Lascia un commento. La tua opinione per noi è importante!