Home Rimedi Naturali Diarrea: cause, rimedi naturali, cosa mangiare e consigli

Diarrea: cause, rimedi naturali, cosa mangiare e consigli

41
0
CONDIVIDI
Diarrea: cause, rimedi naturali, cosa fare, cosa mangiare, alimenti da evitare e consigli
Diarrea: cause e rimedi naturali veloci. Scopri cosa fare per fermare la diarrea, cosa mangiare e bere, gli alimenti da evitare e i migliori rimedi naturali contro la diarrea.

La diarrea è un disturbo intestinale caratterizzato da una perdita di feci liquide che può manifestarsi in modo frequente o temporaneo, per cui vengono espulse feci liquide. La diarrea non è una malattia, ma è piuttosto espressione di infezioni e patologie, e può essere considerata acuta se di durata inferiore alle due settimane, persistente se compresa fra due e quattro settimane, cronica se si protrae oltre le quattro settimane.

E’ opportuno tenere presente che la diarrea temporanea è una forma di difesa dell’organismo, mentre quella cronica è la spia che qualcosa non sta funzionando perfettamente. Quindi, se il disturbo persiste, può essere sintomo di un problema più grave, anche perché si rischia la disidratazione e, se si presenta in forma cronica, può essere un campanello d’allarme per malattie come quella di Crohn o la rettocolite ulcerosa. Per questo motivo, se la diarrea si protrae per diversi giorni, è opportuno consultare il medico e accertarsi che non siano in corso patologie più gravi.

Diarrea: cause

La diarrea può manifestarsi con attacchi acuti dovuti a diversi fattori: batteri, virus, parassiti o infezioni, mentre le situazioni croniche sono di solito presentano disturbi funzionali come la sindrome da colon irritabile o di altre malattie infiammatorie intestinali.

Tra le cause più comuni di diarrea vi sono:

  • Infezioni virali, causate da virus tra cui rotavirus, virus di Norwalk, citomegalovirus, herpes simplex e l’epatite virale causano diarrea.
  • Infezioni batteriche, causate da batteri ingeriti attraverso alimenti o acqua contaminati. Trai più comuni vi sono il campilobatterio, Salmonella, Shigella e colibacillosi.
  • Intolleranze alimentari, nei soggetti non in grado di digerire gli alimenti, come alcuni dolcificanti artificiali e lattosio, causano la diarrea.
  • Parassiti, che possono introdursi nel corpo tramite il cibo o l’acqua e stabilirsi nel sistema digestivo. I più comuni sono giardiasi lambliasi, entameba istolitica e Cryptosporidium.

Anche la reazione ai farmaci come antibiotici, farmaci per la pressione arteriosa, chemioterapici ed antiacidi contenenti magnesio, e le malattie infiammatorie intestinali, come colite, morbo di Crohn e malattia celiaca spesso portano alla diarrea.

La diarrea può manifestarsi anche durante i viaggi nei paesi stranieri, causata dal cibo o dall’acqua potabile contaminata da batteri, virus o parassiti: la cosiddetta diarrea del viaggiatore può essere infatti un problema durante i viaggi nei paesi in via di sviluppo.

Diarrea: sintomi

I sintomi della diarrea sono piuttosto conosciuti e consistono in: crampi, forte dolore addominale, gonfiore, meteorismo, feci molli o liquide, possibile comparsa di nausea, febbre e perdita di peso nel caso si tratta di dissenteria acuta. Invece, nel caso siano presenti tracce di sangue, accentuata disidratazione e forte dimagrimento è opportuno consultare un medico.

Nel caso si tratta di disidratazione da diarrea i sintomi sono i seguenti: sete, vertigini, mal di testa, frequente minzione con urina scura, stanchezza, bocca e pelle secca. Assumere liquidi in piccole dosi, preferibilmente contenenti dei sali minerali sciolti precedentemente.

Diarrea: rimedi naturali

In caso di dissenteria è bene mettere in pratica, oltre ad un’adeguata alimentazione, anche dei rimedi naturali come tisane, infusi e decotti che sono un valido aiuto per combattere la diarrea. Tra i rimedi da provare uno è l’infuso anti-diarroico, da preparare con una miscela composta da 10 gr di foglie di melissa, 10 gr di foglie di lampone, 10 gr di semi di finocchio, 10 gr di foglie di piantaggine e 10 gr di petali di rosa, da lasciare in infusione per circa 20 minuti e da assumerne un cucchiaino ogni ora;

Anche la tisana al mirtillo è ottima, e va preparata facendo bollire fate bollire in un litro d’acqua 4 cucchiai di mirtillo essiccato in bacche per 5 minuti, poi lasciate riposare per ulteriori 5, filtrate e berne due tazze lontano dai pasti; ottima anche la tisana di semi di finocchio, da preparare lasciando in infusione un cucchiaio di semi di finocchio in circa 200 ml di acqua bollente, filtrare e bere una volta al giorno.

Infine, efficace è anche il decotto di corteccia di quercia, dalle proprietà astringenti, da preparare portando ad ebollizione 100 gr di corteccia di quercia in un litro d’acqua, fare raffreddare per 10 minuti, filtrare e berne 3 tazze al giorno.

Anche la medicina alternativa offre soluzioni efficaci contro la dissenteria. L’omeopatia utilizza soprattutto Aloe, Argentum Nitricum, Arsenicum Album, Chamomilla, Podophillum, Agrimonia eupatoria, Potentilla erecta, Vaccinium vitis idaea. Altrettanto validi sono anche i Fiori di Bach e molto utile è perfino l’aromaterapia che utilizza, per alleviare i sintomi della diarrea, gli oli essenziali di basilico, cannella, menta e zenzero.

Diarrea: alimentazione (cosa mangiare e cibi da evitare)

L’alimentazione da seguire durante la diarrea è un fattore fondamentale per combattere la frequente espulsione di feci acquose e quindi, nutrirsi con alimenti giusti rappresenta la soluzione migliore per affrontare al meglio un attacco di dissenteria.

Ecco cosa mangiare in caso di diarrea:

Pane tostato, fette biscottate, patate lesse, pollo senza pelle, limone, da aggiungere su riso, carne, pesce ed ovunque sia possibile, tuorlo d’uovo, ananas, pompelmo, albicocche, banane (ideali per reintegrare il potassio), mele, carote cotte, aglio crudo, (aiuta a sconfiggere i batteri), crusca d’avena (ricca di fibre che assorbono l’acqua), riso integrale, pasta da farina bianca 00, semolino, succhi di mela e di carota molto diluiti, acqua di cottura dei vegetali (a piccoli sorsi), carni magre, pesce lesso o ai ferri, formaggi freschi, non fermentati (crescenza, mozzarella, robiola), uova in camicia o sode. Tra gli alimenti indicati ed efficaci contro la diarrea c’è anche la melarosa grazie alle capacità antibiotiche date da particolari tannini e vai fitosteroli.

Tra i cibi da evitare in caso di diarrea ecco i seguenti:

Latte e tutti i latticini in genere (formaggi grassi e stagionati, panna e ricotta), tranne lo yogurt magro, ricco di fermenti lattici vivi, insaccati, fritti, cibi conservati, cibi troppo elaborati e troppo raffinati, pesanti da digerire, carni rosse, grasse, selvaggina e brodi, liquori e alcolici in generale, gelati e bevande fredde, pane fresco, frutta acerba, castagne, arance e uva, verdure (in particolare i cavoli e tutte quelle ricche di fibre), pasta in bianco, mollica di pane bianco, meno ancora se condita con burro e margarina, assolutamente da evitare.

Durante la fase acuta della diarrea è bene evitare di nutrirsi solo con acqua e liquidi: infatti, gli alimenti solidi dovrebbero cominciare ad essere nuovamente assunti a distanza di 18-24 ore dall’ultima scarica.

Diarrea: consigli utili

Durante l’attacco di diarrea è comunque importante seguire sempre le esigenze del proprio corpo, e, visto che è un meccanismo di difesa dell’organismo, è importante non bloccarla subito e ricorrere ai vari rimedi solo se non passa dopo i primi due o tre giorni.

Anche gli stati emotivi possono influire sugli attacchi di dissenteria, per cui è sempre opportuno cercare di rilassarsi e metabolizzare l’emozione così da calmare la diarrea. Inoltre, tra i consigli per contrastare con efficacia un attacco di diarrea eccone alcuni da prendere al volo: utilizzate il limone sin dalle prime scariche, bevendone il succo spremuto e diluito con pochissima acqua, oppure bevete l’acqua filtrata bollita con un limone tagliato in quattro. In alternativa, anche un tè tiepido e senza zucchero è ottimo, oppure il succo di cottura del riso, ricco di amido, è efficace per fermare la diarrea.

CONDIVIDI

Lascia un commento. La tua opinione per noi è importante!