Home Rimedi Naturali Raffreddore: cause, sintomi, cosa fare e rimedi naturali

Raffreddore: cause, sintomi, cosa fare e rimedi naturali

107
0
CONDIVIDI
raffreddore rimedi naturali
Raffreddore: cause, sintomi, cosa fare, cosa prendere e rimedi naturali. Scopri cosa fare e cosa prendere contro il raffreddore, cosa mangiare e gli alimenti da evitare, i migliori consigli per prevenirlo e come curare il raffreddore con i rimedi naturali.

Il raffreddore è un’infezione virale che causa l’infiammazione delle mucose che rivestono naso e gola, provoca il naso chiuso e gocciolante e a volte anche mal di testa e mal di gola, rendendo più complesse anche le azioni più semplici.

Le cause del raffreddore

Il raffreddore è causato da circa 200 virus diversi con effetti più o meno simili, nel 50% dei casi il colpevole è il “rhinovirus”, che si riproduce nelle cellule del naso.

La maggior parte dei raffreddori viene causata dalla respirazione di goccioline che contengono il virus che vengono dispensate nell’aria attraverso colpi di tosse, starnuti o toccandosi gli occhi e la bocca con le dita che abbiano raccolto il virus maneggiando oggetti che sono stati contaminati.

Il freddo può agevolazione l’infezione, inoltre, si tratta di uno dei disturbi più contagiosi visto la facilità di trasmissione.

Quasi tutti, almeno una volta nella vita hanno sofferto di raffreddore, secondo alcuni studi gli studenti sono quelli più colpiti che arrivano ad averlo anche dieci volte all’anno.

In media un adulto giovane soffre di 2-3 raffreddori all’anno, mente una persona anziana viene colpita anche una sola volta, questo avviene perché l’esposizione al virus è più facile per chi vive a contatto con gli altri, come i bambini, gli studenti e le persone che lavorano.

I sintomi del raffreddore

La maggior parte dei raffreddori viene denominata raffreddore comune, perché si tratta di un’infezione che si limita al naso e alla gola.

Tra i sintomi iniziali del raffreddore si nota un solletico alla gola, delle secrezioni acquose dal naso e continui starnuti, successivamente le secrezioni possono essere gialle o verdi evidenziando la comparsa di altri sintomi come la lacrimazione degli occhi, febbre, mal di gola, indolenzimenti di muscoli e ossa, brividi di freddo, apatia e mal di testa.

Inoltre, nei bambini si possono presentare ulteriori complicazioni come sinusite e otite media, anosmia e momentanea capacità di captare gli odori.

In alcuni casi l’infezione si diffonde dalla laringe alla trachea, ai polmoni, ai seni paranasali, all’orecchio, provocando bronchite acuta, laringite, tracheite.

Il raffreddore può anche andare a gravare su altre malattie respiratorie già presenti dovute ad asma, bronchite cronica e infezioni dell’orecchio.

Cosa fare per prevenire il raffreddore

Molti pensano che prevenire il raffreddore sia difficile, la prima cosa da fare è ricordarsi di far arieggiare il più possibili gli ambienti chiusi, lavarsi le mani spesso ed evitare di stare troppo in contatto con persone contagiate.

Non sempre è possibile fare tutte queste cose e allora come intervenire? La miglior carta da giocare per la prevenzione è quella di rafforzare il sistema immunitario, attraverso degli accorgimenti che riguardano soprattutto l’alimentazione.

Infatti, è stato provato che il sistema immunitario può essere rafforzato grazie ad un’alimentazione ricca di frutta e verdura, capaci di apportare vitamine, sali minerali, sostanze antiossidanti, polifenoli e flavonoidi.

Tra le vitamine che rafforzano il sistema immunitario ci sono la A, la B, la C e la D, presenti in piccole e medie quantità in alcuni alimenti:

  • La vitamina A aiuta a mantenere sana la mucosa delle vie respiratorie, la troviamo in: spinaci, broccoli, zucca, carote, patate, pomodori.
  • La vitamina B è importante per la produzione di anticorpi che difendono l’organismo da infezioni, la troviamo in: latte, soia, riso integrale, tuorlo d’uovo, lievito di birra, nocciole, cavolo, lenticchie, mandorle.
  • La vitamina C favorisce la guarigione, la troviamo in: kiwi, ananas, peperoni, broccoli, pomodori, cavolfiori, alcune insalate a foglia verde.
  • La vitamina D aiuta a prevenire le malattie di raffreddamento, la troviamo in: olio di girasole, olio di sesamo, olio di oliva, latte, salmone, tonno, mandorle.

Rimedi naturali contro il raffreddore

I farmaci non curano il raffreddore ma possono ridurre i sintomi come la febbre, il mal di testa e i dolori muscolari, in molti casi si utilizzano farmaci da banco a base di paracetamolo o ibuprofene ma è possibile provare anche dei rimedi naturali che aiutano la guarigione senza imbottirsi necessariamente di medicine.

Ecco quali sono i migliori rimedi naturali per il raffreddore:

  • La tisana allo zenzero è uno dei rimedi naturali più veloci per combattere il raffreddore, aiuta ad alleviare la congestione nasale, libera il naso e riduce l’infiammazione.
  • La bevanda a base di aglio e limone, grazie alle proprietà antibiotiche e antinfiammatorie di queste due elementi, è in grado di alleviare i sintomi del raffreddore e aiutare il sistema immunitario a sconfiggerlo. Ecco come fare: mescolate il succo di un limone con uno spicchio di aglio tritato, aggiungere un pochino di acqua calda ed addolcite con il miele.
  • Latte caldo e miele aiuta a lenire i disturbi più diffusi del raffreddore, il latte può essere sostituito anche con del tè alle erbe o da un infuso di tiglio e melissa che favorisce la decongestione di naso e gola.
  • Anche l’aceto di mele è un ottimo rimedio naturale per ridurre l’infiammazione della gola, fare dei gargarismi con due cucchiaini di aceto di mele diluiti in un bicchiere di acqua può provocare sollievo immediato.
  • Infine, un rimedio naturale contro il raffreddore poco conosciuto è il sale, grazie al suo effetto disinfettante darà ottimi risultati, basta scioglierlo in un bicchiere d’acqua per fare una miscela da spruzzare nel naso oppure dei gargarismi.

Consigli utili

Come già detto in questo articolo, i virus che sono responsabili del raffreddore si diffondono con estrema facilità da persona a persona attraverso goccioline in grado di coprire una distanza di sei metri.

Queste goccioline vengono emesse con lo starnuto, per questo motivo basta prendere alcuni accorgimenti per limitare le possibilità di contagio.

Il primo consiglio è quello di lavare spesso le mani, i virus si depositano sulla pelle e su qualsiasi superficie che tocchiamo, in pochi secondi possiamo essere contagiati , basta avvicinare le mani al naso o alla bocca. Prendete l’abitudine di lavare le mani con acqua e sapone e se potete anche con un disinfettante.

Siccome il contagio è più frequente stando in mezzo a tante persone, si consiglia di evitare i luoghi affollati come cinema, ristoranti, piazze, ambienti di lavoro, quando questo non è possibile basta stare lontani dai soggetti contagiati.

Evitare di fumare è molto importante, infatti, il fumo blocca la funzione delle vie respiratorie che hanno il compito di rimuovere corpi estranei, per questo motivo i fumatori sono più soggetti ad essere colpiti dal raffreddore.

Fare molta attenzione agli sbalzi di temperatura che possono stressare il sistema immunitario e indebolirlo, permettendo a virus e batteri di entrare facilmente nel nostro organismo.

Bere molta acqua è essenziale, soprattutto se si è ammalati, perché permette di eliminare le tossine, si ricorda che bisogna berne almeno 2 litri al giorno.

Inoltre, un’ottima cura per il raffreddore è il riposo, dormire otto ore di sonno profondo aiuta e facilità notevolmente la guarigione.

Raffreddore: quali cibi mangiare e quali evitare

In caso di raffreddore ci sono dei cibi da preferire che rafforzano il sistema immunitario e forniscono all’organismo ciò di cui ha bisogno per combattere i virus, tra questi:

  • Agrumi, ricchi di vitamina C;
  • Aglio, antibiotico naturale;
  • Cipolle, ricche di flavonoidi;
  • Zenzero, allevia il bruciore;
  • Lattuga, alto contenuto di Sali minerali e vitamine.

Invece, ci sono dei cibi che indeboliscono la risposta del sistema immunitario e che sarebbe meglio evitare, tra questi:

  • Carne, i grassi animali ostacolano l’organismo a liberarsi dai germi responsabili di mal di gola e raffreddore.
  • Latticini, incrementano la formazione del muco nelle vie respiratorie.
  • Dolci, alimenti confezioni, bibite gassate ricche di zucchero possono indebolire il sistema immunitario.
  • Cibi fritti e salati, consumarli mentre si è ammalati può portare a problemi a livello digestivo e favorire la disidratazione del corpo.
  • Caffè e alcolici, indeboliscono il sistema immunitario e rallentano il processo di guarigione.
CONDIVIDI

Lascia un commento. La tua opinione per noi è importante!